SHARE

Venerdì 29 rinvigorimento dell'instabilità sulla Calabria: il focus

Come già anticipato nel nostro consueto articolo di aggiornamento per il tempo dei prossimi due giorni (venerdì 29 e sabato 30 settembre), consultabile cliccando qui, una imponente area di alta pressione sulla penisola Scandinàva, permetterà l'afflusso di aria fredda in quota proveniente dalla Russia.

Il conseguente abbassamento dei geopotenziali alla quota isobarica di 500 hPa faciliterà, pertanto, la formazione di fenomeni instabili, ovvero piogge sparse anche sotto forma di rovesci e temporali, che interesseranno prevalentemente le aree montuose ma non solo, visto che i venti in quota da nord potrebbero fare sconfinare tali fenomeni anche nelle zone vallive limitrofe.

Entriamo quindi nel dettaglio delle piogge previste per domani venerdì 29 settembre:

nel corso della notte fra giovedì e venerdì e nelle prime ore del mattino di venerdì piogge sparse anche a carattere di rovescio potrebbero interessare i versanti ionici del basso cosentino, la Sila Greca e orientale e il crotonese in genere. Altrove poco o al più parzialmente nuvoloso senza fenomeni significativi.

Dalla tarda mattinata di venerdì, l'approfondirsi di una circolazione ciclonica in quota con avvezione di aria più fresca proveniente dalla Russia, provocherà  su tutte le zone montuose della nostra regione lo sviluppo di nubi cumuliformi a cui saranno associate piogge sotto forma di rovescio e/o temporale. Dati i venti che alle quote più elevate si disporranno da nord, tali fenomeni instabili potrebbero anche sconfinare verso le zone vallive limitrofe: quindi dal Pollino e dai monti dell'Orsomarso, i fenomeni potrebbero interessare anche la Piana di Sibari, la valle del Crati e localmente le aree costiere del cosentino. Così come dalla Sila Piccola i fenomeni potrebbero estendersi anche su Catanzaro e litorali ionici catanzaresi; infine dalle Serre e Aspromonte potrebbero sconfinare su versanti ionici reggini.

Dalla serata, infine, è previsto un parziale miglioramento su gran parte del territorio. Potrebbero resistere ancora fenomeni instabili sullo Ionio cosentino, Sila Greca, e crotonese.

La figura in copertina, su cui invitiamo a cliccare, mostra la mappa delle precipitazioni come previste, nell'arco delle 24 ore, dal modello ad alta risoluzione WRF-EMM2 by www.meteocenter.it in esclusiva per noi di www.meteoINcalabria.it.

 

a cura di Fabio Zimbo


del: 28-09-2017 - Tags: area, ciclonica, quota, instabilità, piogge, temporali, rovesci, sila, pollino, serre, aspromonte, catanzaro, crotonese, ionio, cosentino, reggino, settembre, 2017