SHARE

Meteo di martedì e mercoledì: ancora instabilià sparsa...

La situazione meteo permane pressochè uguale a quella esposta nei nostri consueti aggiornamenti: sulla nostra regione persiste ancora una debole circolazione ciclonica in alta quota capace di causare fenomeni instabili sparsi.

L’anticiclone delle Azzorre, che sta dominando sulla Spagna, probabilmente non riuscirà ad estendersi in maniera franca anche sulla nostra penisola, facendo pertanto temere un nuovo peggioramento per il fine settimana.

 

Tempo previsto sulla Calabria per le prossime ore.

Martedì al mattino poco o al più parzialmente nuvoloso con nuvolosità più compatta sui versanti e litorali ionici reggini e catanzaresi e sul crotonese, ove saranno possibili piovaschi sparsi a macchia di leopardo.

Dal pomeriggio sviluppo di nubi cumuliformi sulle zone montuose con possibilità di rovesci e/o temporali che potrebbero anche sconfinare velocemente su reggino tirrenico e vibonese, così come su basso Ionio cosentino. Temperature stazionarie sempre su valori di poco al di sotto delle medie del periodo.

 

Mercoledì ancora cieli parzialmente nuvolosi con possibilità di piovaschi sparsi sui versanti ionici e litorali reggini e catanzaresi ma anche, nel pomeriggio, sulle zone interne della provincia di Cosenza e sulla Sila crotonese. In serata miglioramento generale. Temperature in leggero rialzo rientranti nelle medie del periodo.

 

Mari & Venti

Martedì mari poco mossi: dal pomeriggio lo Ionio meridionale e lo Stretto di Messina vedranno aumentare il loro moto ondoso sino a divenire mossi. Venti generalmente deboli dai quadranti orientali.

 

Mercoledì mari poco mossi tranne lo Ionio reggino e lo Stretto di Messina che saranno mossi. Venti mediamente da est sul Tirreno; deboli o al più moderati da sud-est sullo Ionio reggino e Stretto di Messina; deboli di direzione variabile sul resto dello Ionio.

 

a cura di Fabio Zimbo


del: 02-10-2017 - Tags: instabilità, circolazione, ciclonica, quota, piogge, sparse, versanti, ionici, temporali, piovaschi, ottobre, 2017