SHARE


Tra giovedì e venerdì il clou del peggioramento, con neve a quote localmente basse...

a cura di Giovanni Luca Muzzillo e Fabio Zimbo

Dalla sinottica riportata sotto e in copertina, si evince come stiamo entrando nel clou di questo peggioramento di stampo decisamente invernale.

In particolare, giovedì, l'affondo sul bacino occidentale del Mediterraneo della saccatura di origine artico-continentale che nei giorni scorsi ha riportato freddo e neve sull'Europa centro-settentrionale, favorirà la risalita sullo Ionio di una bassa pressione dal Golfo di Sirte (Libia) che tenderà ad approfondirsi sino a raggiungere un minimo di 990 hPa, apportando sulla nostra regione maltempo diffuso e convogliando nel contempo venti più freddi da nord-est al suolo che, quindi, permetteranno alla neve di cadere a quote medio-basse o localmente basse.

C’è da dire che nei prossimi giorni si assisterà sì ad un rialzo delle temperature, ma la Calabria rimarrà comunque sotto il tiro di correnti umide e instabili che potrebbero favorire ulteriori fasi di maltempo.

Previsioni:

Giovedì mattina avremo cielo nuvoloso o molto nuvoloso su tutta la regione, con precipitazioni diffuse di intensità tra il debole e il moderato. Rovesci di forte intensità potranno aversi su Pollino, Tirreno reggino e Aspromonte. Nevicate intorno a 900/1000 m s.l.m. su Pollino, 1100 m s.l.m. sulla Sila, 1200 m s.l.m. su Aspromonte.

 

Giovedì pomeriggio potremo avere ancora cielo molto nuvoloso o coperto con fenomeni sparsi che tenderanno a risparmiare parzialmente solo lo Jonio cosentino e il basso Jonio reggino. La quota neve dalla mattinata tenderà gradualmente a scendere, nel pomeriggio-serata, sui 600-700 metri sul Pollino, sugli 800 metri circa sulla Sila, sui 700 metri su Sila greca, sui 1000-1100 metri su serre e Aspromonte.

 

Venerdì in mattinata si avrà ancora instabilità residua sulla regione, con parziali schiarite solo su basso reggino e Jonio catanzarese. Altrove il cielo rimarrà nuvoloso o molto nuvolosi con piogge tra il debole e il moderato. La neve cadrà, su tutti i rilievi calabresi, a quote tra i 900 e i 1000 metri, localmente anche a quote più basse.

 

Venerdì nel pomeriggio si avranno delle schiarite a partire dal Tirreno cosentino, ma con fenomeni residui sparsi sul resto della regione.

 

Mari e venti

Giovedì i venti saranno moderati da nordest su alto Tirreno e Tirreno centrale, mderati da ovest su basso Tirreno, con bacini generalmente mossi. I venti saranno di intensità variabile da ovest-nordovest sullo Jonio con bacini mossi su golfo di Corigliano, molto mossi altrove.

 

Venerdì la ventilazione sarà ovunque moderata da nordovest con mari mossi o molto mossi su Tirreno, poco mossi o mossi su Jonio.



del: 21-03-2018 - Tags: peggioramento, instabili, temperature, correnti, umide, neve, sila, pollino, aspromonte, calabria, marzo, 2018